Area Riservata
 
Username
Password
 
 

News


08/05/2019 - Spese di casa: quanto costa gestire la proprietà di un immobile?

Gestire la propria casa è un mestiere che costa: quasi mille euro al mese se ne vanno in spese di casa. Ecco cosa dice lo studio di Facile.it.

Secondo quanto rilevato da Facile.it e Mutui.it, basandosi su dati Istat e Dipartimento delle Finanze, per mantenere l’abitazione principale servono in media 11.304 euro all’anno, quindi 942 euro al mese. Tra i costi considerati, rate del mutuo, le utenze domestiche (energia elettrica, gas, acqua), le spese condominiali, le manutenzioni e la tassa rifiuti. Un peso che grava sulla testa dell’83% degli italiani, proprietari della casa in cui vivono.

Spese di casa nelle grandi cittàin euro
Values9941.1301.0391.1521.1551.21977679786368411.92813.56012.46813.82413.86014.6289.3249.56410.3568.208tot mesetot annoTorinoMilanoGenovaBolognaFirenzeRomaNapoliBariCagliariPalermo02,5k5k7,5k10k12,5k15k17,5k
Facile.itCondividi

Ovviamente le spese cambiano a seconda dell’immobile e delle sue caratteristiche, ma in genere si rileva che, a parità di caratteristiche (è stato considerato un immobile di circa 100 mq situato in una zona intermedia delle varie città), al Nord Italia il costo complessivo risulti il 20% più alto che al Sud.  

In particolare, analizzando le principali città, emerge che Roma è la più cara; per mantenere un immobile nella capitale servono in media 14.628 euro l’anno, l’8% in più che a Milano (13.560 euro). Cifre molto alte sono richieste anche a Firenze (13.860 euro) e a Bologna (13.824 euro), mentre i costi più contenuti sono stati registrati a Palermo (8.208 euro l’anno) e Napoli (9.324 euro l’anno).

Dati interessanti si notano anche analizzando le differenze delle singole voci di costo;  per le utenze domestiche e la manutenzione della casa, nelle regioni settentrionali si arriva a pagare anche il 35% in più che in quelle meridionali.

Se si guarda alla sola Tari, invece, risulta mediamente più cara al Sud, con valori da capogiro a Napoli (444 euro l’anno) e, soprattutto, a Cagliari (504 euro l’anno).

L’analisi, condotta con riferimento a uno scenario dove la famiglia media è composta da 2,3 componenti, mostra infine che al variare del numero di occupanti l’immobile cambiano le relative spese di gestione e la tassa rifiuti, ma l’oscillazione non è proporzionale. La bolletta del gas di una famiglia di quattro persone non è infatti il quadruplo di quella di un single.